Variabilità e temperature in rialzo

0

Posted by ecoblog | Posted in Senza categoria | Posted on 11-01-2019

La fase artica ha portato neve come previsto sulle nostre colline con discreti accumuli. A pagliare dopo la coreografica fioccata di ieri sera il peggioramento ha chiuso a 28 mm. Adesso dopo una prima decade di gennaio piuttosto fredda le temperature sono previste in rialzo e prossime alle medie del periodo. Infatti il flusso zonale risulterà più teso e dunque l’azzorriano avrà più difficoltà a salire di latitudine. Una parziale ondulazione la avremo comunque lunedi, quando qualche rovescio peraltro molto rapido potrebbe ripresentarsi sul medio adriatico, ma la quota neve sarà decisamente più alta, intorno ai 1000 metri. Per il resto nulla da segnalare, se non le gelate molto intense che si verificheranno domattina su tutta la regione. Prossimo aggiornamento fra 3-4 giorni, buon fine settimana a tutti 🙂

Aria artica in settimana

0

Posted by ecoblog | Posted in Senza categoria | Posted on 08-01-2019

Da domani e per il resto della settimana saremo interessati da una discesa di aria artica con temperature di nuovo in calo. Il clima sarà dunque freddo anche se non gelido, e diciamo subito che difficilmente la neve scenderà alle quote più basse, poichè le termiche non sembrano essere sufficienti nè le precipitazioni particolarmente intense. Passiamo comunque alla previsione: mercoledi meteo variabile, con più nubi in serata e neve dai 500 metri di quota, in calo fino a 300 metri nella giornata di giovedi, quando nel pomeriggio potremo avere qualche fenomeno più intenso, che dovrebbe durare fino al primo mattino di venerdi. A seguire la situazione andrà a migliorare, lasciando comunque ancora un clima freddo nel fine settimana, ma senza fenomeni. Insomma avremo un episodio invernale di media entità, nulla di eccezionale. Eventuali aggiornamenti nei prossimi giorni ed al massimo entro sabato. Buona serata a tutti 🙂

Atlantico bloccato, continua il freddo

0

Posted by ecoblog | Posted in Senza categoria | Posted on 04-01-2019

La fase fredda artica sta avviandosi alla conclusione, gli ultimi fenomeni stanno interessando la parte sud della regione. La previsione è stata sostanzialmente rispettata, con l’unica eccezione della neve sulla costa dove sono state troppo deboli le precipitazioni. Imbiancate anche le quote pianeggianti e buoni accumuli in collina fino a 20cm nelle aree esposte, mentre in Appennino si è raggiunto e in alcuni casi superato il metro. Avremo adesso un temporaneo miglioramento con forti gelate notturne, ma di breve durata. Infatti con l’inizio del mese di Gennaio abbiamo avuto un importante cambiamento circolatorio su scala continentale, che si potrarrà ancora a lungo: l’anticiclone delle Azzorre si è rafforzato in nordatlantico e proteso verso la groenlandia, bloccando di fatto il mite flusso zonale e innescando la circolazione da nord sull’europa centrale e orientale. Dunque già domenica pomeriggio avremo un nuovo peggioramento da est con qualche pioggia e qualche spruzzata di neve nella notte successiva fino a quota 400 metri. Variabile ma ancora freddo lunedi e martedi, mentre da mercoledi potremmo avere un nuovo peggioramento con ciclogenesi mediterranea ma da confermare nel prossimo aggiornamento fra 2-3 giorni. Buona serata a tutti 🙂

In arrivo prima neve a bassa quota

0

Posted by ecoblog | Posted in Senza categoria | Posted on 01-01-2019

Buon anno a tutti i lettori. Come anticipato nel precedente articolo con l’anticiclone delle Azzorre in rinforzo e semistazionario con i massimi valori sulle isole britanniche avremo nei prossimi 7-10 giorni correnti mediamente nordorientali e temperature in sensibile calo, insomma saremo nella fase clou della stagione invernale. Oggi una giornata soleggiata e ventosa, ma con una discesa di aria fredda artica di provenienza scandinava ormai in vista. Domani mattina ancora tempo discreto, ma già dalle ore centrali drastico e repentino peggioramento, con violente raffiche di vento. La bora in Adriatico soffierà fino a 80 Km/h, ed avremo un crollo delle temperature. Rovesci anche intensi interesseranno la nostra regione dal primo pomeriggio, e la quota neve inizialmente sui 500 metri scenderà rapidamente fino a quota zero nel corso della nottata, tanto che la mattina del 3 gennaio buona parte delle spiagge adriatiche potrebbe presentarsi in bianco. Ulteriori rovesci nevosi si avranno fino alla mattina del 4, quando i fenomeni dovrebbero esaurirsi ma sempre in un contesto molto freddo. Nuova possibile incursione fredda da est nel giorno dell’epifania, ma ne riparleremo fra qualche giorno. Accumuli nelle aree collinari esposte compresi fra i 15cm e i 40cm, con una inevitabile variabilità dovuta al fatto che non avremo perturbazioni organizzate ma fenomeni di instabilità. Prossimo articolo fra 2-3 giorni, buona giornata a tutti 🙂

Tempesta di bora in Adriatico con raffiche fino a 80 Km/h nei prossimi giorni

Anticiclone verso nord, più freddo

0

Posted by ecoblog | Posted in Senza categoria | Posted on 30-12-2018

L’alta pressione che ha assicurato per parecchi giorni clima sostanzialmente secco e soleggiato ora traslerà verso nord e presenterà i suoi massimi valori sulle isole britanniche. Dunque avremo un flusso settentrionale progressivamente più intenso e più freddo. I primi passaggi nuvolosi stasera e domani pomeriggio con associati deboli rovesci soprattutto nella parte meridionale della nostra regione. Qualche spruzzata di neve da quota 500 metri. A Capodanno avremo tempo buono, mentre il 2 gennaio avremo un nuovo e più deciso peggioramento con fenomeni dalla seconda parte della giornata nevosi a quote collinari e progressivamente nella notte successiva anche in pianura. Per i dettagli comunque ci aggiorniamo il primo dell’anno. Buona giornata a tutti 🙂

Alta pressione con pochi disturbi

0

Posted by ecoblog | Posted in Senza categoria | Posted on 22-12-2018

Siamo giunti al solstizio d’inverno, da oggi in avanti quindi le giornate riinizieranno ad allungarsi. A dire il vero di invernale al momento c’è ben poco, visto che siamo sotto una estesa e potente campana di alta pressione, che rimarrà semistazionaria ancora per diversi giorni, assicurando tempo buono e temperature miti per il periodo soprattutto in quota. Unico disturbo sarà rappresentato dal rapido passaggio della coda di un sistema frontale che lambirà l’adriatico nella notte della vigilia e nelle prime ore del natale, portando qualche debole rovescio e spruzzata di neve da quota 1200 metri e lasciando poi un netto calo termico con temperature di nuovo in media. Fra il pomeriggio della vigilia e la mattina di natale potremmo avere ben 14 gradi in meno! Al momento poco altro da segnalare, successivo aggiornamento meteo a metà settimana prossima. Buone feste a tutti 🙂

Lunedi perturbato, poi fase mite

0

Posted by ecoblog | Posted in Senza categoria | Posted on 16-12-2018

A partire da questa sera come già anticipato nel precedente articolo si avvicinerà una perturbazione da ovest abbastanza intensa, e lunedi avremo dunque una giornata di tempo piuttosto perturbato, con pioggia e vento a rotazione ciclonica, prima da scirocco e poi progressivamente da bora. Le precipitazioni attese sono anche abbastanza abbondanti, diciamo fra i 40 e i 60 mm. La quota neve dovrebbe attestarsi inizialmente intorno a 800 metri per poi scendere un pò fino a circa 500 metri a fine fenomeni. Su tutto l’Appennino abruzzese ci saranno accumuli di oltre mezzo metro di neve fresca in 24 ore. I fenomeni si esauriranno durante la notte successiva e già da martedi inizierà un periodo di tempo più stabile e progressivamente più mite che potrebbe durare anche diversi giorni. Prossimo aggiornamento giovedi sera, buona domenica a tutti 🙂

Molto variabile, perturbazioni in serie

0

Posted by ecoblog | Posted in Senza categoria | Posted on 12-12-2018

Questa sera si rende necessario un aggiornamento meteo con un giorno di anticipo rispetto alla consueta data del giovedi. Infatti dopo l’atteso calo termico di inizio settimana con le prime minime sottozero anche in pianura (Pagliare -0.1°C stamattina mentre il capoluogo di regione è sceso a -9°C e il ben noto altopiano delle CinqueMiglia a -20°C) ecco la ripresa delle perturbazioni da ovest, ma con una novità: l’aumento termico che sembrava potersi verificare da domani in poi risulta molto ridimensionato, ed anzi sabato si avrà un nuovo deciso calo delle temperature. Passiamo alla previsione:

Giovedi in mattinata possibili deboli precipitazioni, nevose a quote intorno ai 600 metri, migliora a seguire con leggera risalita delle temperature

Venerdi inizialmente buono ma rapido aumento della nuvolosità già in mattinata con fenomeni più diffusi ed intensi rispetto a quelli del giorno precedente, e temperature stazionarie con neve dai 1000 metri di quota

Sabato inizialmente ancora possibili residui fenomeni con deciso calo delle temperature e spruzzate di neve a quote di media collina, dai 500 metri in su, poi tendenza a nuovo miglioramento ma con venti da nord e clima molto freddo

Domenica inizialmente buono con forti gelate ma in serata si avvicinerà una nuova perturbazione da ovest

Prossimo articolo fra 3-4 giorni, buona serata a tutti 🙂

Flusso zonale, freddo lontano

0

Posted by ecoblog | Posted in Senza categoria | Posted on 09-12-2018

Il lungo periodo ancora di stampo autunnale prosegue ed anche la prossima settimana sarà contraddistinta da correnti mediamente dai quadranti occidentali, con deboli ondulazioni. Domani lunedi saranno possibili dei rovesci sui versanti adriatici, con neve sopra ai 1300 metri, ancora degli addensamenti lungo le coste nella giornata di martedi ma già in rapido miglioramento. Mercoledi inizialmente buono con nuovi annuvolamenti da ovest in serata e possibili deboli fenomeni sull’Appennino, meglio altrove. Nella prima parte della settimana avremo temperature in moderato calo e prossime alle medie del periodo, mentre un deciso aumento termico si avrà da giovedi in avanti. Prossimo articolo fra 3-4 giorni, buona serata a tutti 🙂

Miti correnti atlantiche, temperature in leggero aumento

0

Posted by ecoblog | Posted in Senza categoria | Posted on 02-12-2018

Durante buona parte della settimana il meteo sull’Italia sarà caratterizzato da un debole flusso occidentale che andrà a scorrere sul bordo dell’anticiclone azzorriano, ancora schiacciato a latitudini piuttosto basse. Dunque avremo tempo buono con pochi disturbi: qualche annuvolamento nel pomeriggio di martedi e dei brevi rovesci nella giornata di giovedi ma per il resto poco altro da segnalare, se non un generale aumento delle temperature di 2-3 gradi rispetto ai valori attuali. Una nota a margine: moltissimi appassionati dei fenomeni atmosferici vivono nel mito dell’alta pressione russa, convinti che la sua formazione sia di per se sinonimo di inverni gelidi sulla penisola. In realtà la condizione fondamentale per avere episodi freddi sull’italia è un’altra, e cioè un anticiclone delle Azzorre pimpante e proteso di frequente verso nord: ecco il perchè attendo con ansia una sua elevazione per poter godere del primo vero episodio invernale. Prossimo articolo giovedi, buona serata a tutti 🙂